Raffaele Spidalieri, "Connessioni umane difficili"